Linee guida 2013 - 2017

PROGETTO MASTeR 2013-2017

Nell'ambito del rinnovato protocollo fra il gruppo MASTeR e il Comune di Mantova per la prosecuzione del progetto, si sono individuate alcune linee programmatiche da sviluppare nel quadriennio 2013-2017.

Ambito didattico
• contribuire alla formazione scientifica dei giovani, predisponendoli a sviluppare le capacità di osservazione della realtà secondo una didattica laboratoriale utilizzando le metodologie più innovative come l'IBSE (Inquiry Based Science Education) e la Flipped Classroom;
• divulgare le discipline scientifiche e mostrarne le loro applicazioni pratiche correlandole in modo critico con lo sviluppo delle nuove tecnologie;
• – porsi come valido interlocutore per le aziende del territorio quale soggetto formatore e consulente nella formazione scientifica del personale specializzato;

Ambito culturale
• provvedere a catalogare e riorganizzare in modo sistematico e omogeneo tutte le collezioni e raccolte di tipo scientifico e naturalistico presenti sul territorio cittadino avvalendosi delle competenze e professionalità presenti nel MASTeR;
• inserire le collezioni e raccolte di tipo scientifico e naturalistico presenti sul territorio cittadino in un contesto di storia della scienza locale e generale;
• mettere a disposizione gli spazi per lo svolgimento di specifici progetti didattici relativi alle materie trattate dal MASTeR;
• adoperarsi per creare a Mantova un planetario per rispondere alle numerose richieste sia delle Scuole che di semplici cittadini;
• mettere a disposizione spazi per eventi e iniziative coerenti con gli ambiti di azione del progetto;
• mettere a disposizione spazi per eventi organizzati dalle parti.

Ambito turistico
• affermarsi come polo di attrazione per il turismo scolastico e delle famiglie, ponendosi come valore aggiunto in una città a forte vocazione turistica
• creare percorsi integrati attraverso le varie collezioni e raccolte di tipo scientifico e naturalistico presenti sul territorio cittadino, in modo da intercettare un pubblico interessato già a partire dal 2015, dove il tema dell'EXPO ben si lega con molti reperti che narrano dell'evoluzione storica della natura del territorio;
• collaborare con altre realtà nell'ideazione e realizzazione di itinerari turistici che coniughino l'offerta naturalistica e scientifica con quella storico-artistica, per evidenziare la ricchezza e la complessità del territorio.